Close

Richiesta informazioni

Inserisci i tuoi dati e se vuoi chiederci qualcosa di particolare, mandaci un messaggio.
Ti risponderemo al più presto, senza ossessionarti con email pubblicitarie.

Header Interno 1380x460

La tua password è davvero sicura?

Pubblicato il 24 maggio, 2019

E’ necessario che la password sia affidabile, sicura ma anche facile da memorizzare per chi la usa quotidianamente. Apparentemente sembrano requisiti inconciliabili ma con un po' di astuzia e buona volontà, anche grazie ai consigli che seguono, potrai acquisire il giusto metodo per adottare quotidianamente, senza difficoltà, password a prova di hacker.

A seguito di queste premesse, che caratteristiche deve avere una password sicura?  

1. LUNGHEZZA

Il primo passo per rendere sicura la propria password è far sì che essa sia abbastanza lunga. Non si può prescindere perciò dal fatto che essa debba essere composta da piu’ di 8 caratteri. Spesso si legge “almeno 8 caratteri” ma per avere maggiore sicurezza dobbiamo considerare 8 come il numero da cui partire.

2. COMPLESSITA’

Oltre ad essere abbastanza lunga è bene che sia complessa. La password quindi deve essere un codice alfanumerico. Questo codice inoltre deve contenere al suo interno almeno 3 tipologie diverse di caratteri speciali. Quali sono i caratteri speciali? Lettere minuscole, maiuscole, numeri e i vari simboli quali ad esempio @#$%^&.Un consiglio quindi è quello di alternare lettere maiuscole, minuscole e vari caratteri speciali per scrivere qualcosa però sia di facile memorizzazione. Potrebbe essere un’ottima idea quella di sostituire qualche lettera con caratteri speciali.

3. PRIVA DI RIFERIMENTI PERSONALI

Naturalmente è bene che la password, seppur semplice da ricordare, non contenga riferimenti personali di facile individuazione come ad esempio data di nascita, nome, cognome.

 

Un escamotage per far sì che vengano rispettati tutti questi requisiti può essere quello di affidare la scelta della password facendo riferimento a qualche caratteristica o interesse personale che non può essere facilmente conoscibile da altri. Ad esempio potremmo pensare al nome della località visitata durante il nostro primo viaggio all’estero, al nome del nostro libro preferito o al nome del nostro primo animale domestico.Una password di questo tipo: 1Lm1opR1mo@NIm@L&siK1@m@v@B1ll non sarà facilmente individuabile per una persona qualsiasi, ma sarà facile da ricordare, considerato che so che il ”il mio primo animale si chiamava Bill”. Inoltre avendo sostituito la lettera A con il simbolo @, la lettera i con il numero 1 e avendo alternato lettere maiuscole e minuscole, ho dato alla password un certo livello di difficoltà.

 

4. CAMBIATA CON FREQUENZA

E’ inoltre buona prassi cambiarla periodicamente, almeno per i profili più importanti e per quelli che si usano più spesso.

5. AD OGNI ACCOUNT LA SUA PASSWORD

Per essere maggiormente sicuri che nessuno riesca ad accedere ai nostri profili è bene usare per ogni account una password diversa. Così si eviterà il rischio che il furto di una sola password possa portare alla violazione di più profili.

6. BEN CONSERVATA

Una volta scelta la password questa deve essere conservata con cura. A riguardo, si consiglia di non scrivere mai le password su biglietti cartacei o in file non protetti su pc, smartphone etc. Sarebbe inoltre ottimale non condividere mai le password tramite e-mail, sms, social network, instant messaging, ecc.. Non bisogna sottovalutare che anche le password vengono trasmesse a persone di fiducia, le stesse non possano essere diffuse involontariamente a terzi o “rubate” da pirati informatici. E’ consigliabile inoltre, in caso di utilizzo di pc altrui, di evitare di conservare in memoria le password utilizzate.

Acquisendo questi brevi consigli si è già a buon punto per assicurarsi un buon livello sicurezza, non resta che metterli in pratica !